Castelmola è situata a pochi chilometri dalla bella Taormina, se ne sta sospesa tra il cielo e il mare, è a pochi passi dalla costa ionica, a circa 36 chilometri a sud da Messina, a circa 49 chilometri a nord da Catania. Il punto più elevato si raggiunge salendo per un sentiero, dalla piazza principale del paese, la Piazza Sant’Antonino, fino ai ruderi di un castello. Sulla piazza esiste un belvedere che offre una splendida vista sulla costa ionica e sulla città che si mostra di fronte al belvedere come un lungo nastro di sabbia e scogli. Conta poco più di mille abitanti  ed è intriso di usanze senza tempo: è questo che rende Castelmola unica nel suo genere.

CastelmolaIl paesaggio del mediterraneo ubriaca i turisti di profumi e colori, Castelmola è stato dichiarato uno dei Borghi più belli d’Italia.
Il motivo bisogna scoprirlo da soli, e ciascuno può avanzare qualche ipotesi: forse per la sua trasparenza del suo mare, per l’aspetto scenografico delle scogliere a picco, o magari per il dedalo pittoresco di viottoli e scalinate? Certamente la struttura urbanistica medievale, così ben conservata, conferisce un fascino unico al piccolo paese siculo. Un tempo a dire il vero il borgo era ancora più suggestivo, con un ingresso fiabesco costituito da una lunga scalinata intagliata nella roccia: gradino dopo gradino, gli ospiti di Castelmola giungevano ai piedi del maniero, pregustando da subito la bellezza della cittadella. Ancora oggi, nell’auditorium Comunale, c’è un’esposizione di foto che mostrano l’ingresso ad arco con la scalinata, ormai andata perduta: era il 1928 quando la porta venne modificata, sostituita da un’entrata moderna.

Piazza Sant'AntoninoResistono ancora oggi certe abitazioni del tempo, con porte e finestre rifinite in pietra di Taormina, e le pareti colorate dei colori della Terra; resistono i tetti “alla siciliana”, con i coppi sulle falde pendenti, ma soprattutto resistono i punti vivi della città. Come la piazza centrale, col pavimento a mosaico realizzato in pietra lavica: qui sorge l’ex chiesa di Sant’Antonio, che oggi costituisce il già citato Auditorium. La costruzione antichissima, è affiancata da altri edifici interessanti come la Casa Sterrantino e il settecentesco Caffè San Giorgio, fondato dai monaci e oggi adibito a locanda.

Protagonista di Castelmola era l’imponente castello, di cui rimangono solamente le sue mura normanne. Il maniero risale al IX secolo e doveva servire a difendere il territorio dagli Arabi. La suggestiva area del castello trasmette ancora, a chi osserva dall’alto delle sue mura, emozioni intense e acquista ulteriore fascino durante gli spettacoli di falconeria che si tengono fra le rovine.

UN PO’ DI CURIOSITA’

Vino alle mandorleCastemolmola è il paese del vino e della mandorla.
Il Vino alla mandorla è un vino bianco secco aromatizzato con alcool delle migliori qualità in infusione con mandorle amare, erbe, essenze agrumarie, Zibibbo, caramello.

Altri prodotti tipici molesi
Pane casereccio, maccheroni fatti in casa, miele, cuddure (ciambelle pasquali fatte con le uova), mandorle chiazziate, ossia zuccherate, mostarda, fichi secchi con le noci, vino, olive e capperi, sono gli altri prodotti di questa terra generosa. Durante il corso dell’anno non mancano percorsi enogastronomici per valorizzare le specialità locali.

Bar Turrisi

Bar TurrisiE’ un bar fondato nel 1947, è passato da generazione in generazione, dal cavaliere Salvatore Turrisi al figlio Giuseppe, ai nipoti. Oggi il bar Turrisi rappresenta di certo uno dei luoghi di culto della Sicilia, imperdibile luogo dove è possibile degustare i tipici sapori mediterranei in compagnia di sculture che rappresentano la fecondità e virilità dell’uomo. Provate ad immaginare di trovarvi su un’antica struttura su quattro livelli, di stare in un posto dove Etna e mare, acqua e fuoco si possono osservare.
Questo è il bar Turrisi, uno di quei luoghi ormai unici, così come  “Focus” (mensile di attualità, scienza e sociologia) li ha inseriti tra i sette bar più particolari nel mondo. Ad accompagnare il tutto, un sorso del loro speciale afrodisiaco vino alla mandorla che sintetizza in un elisir il profumo del bellissimo borgo di Castelmola.

 

 

Condividi

Ultima Modifica: 7 luglio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *