Funerali privati per 16enne morto in incidente: erano previsti botti e corteo di moto

162

Written by:

Per evitare disordini ed eccessive manifestazioni di cordoglio, la questura di Catania ha disposto la celebrazione in forma privata dei funerali di Eugenio Ruscica, 16enne morto nei pressi del Corso Indipendeza alcuni giorni fa in seguito ad un incidente stradale con il suo scooter. Il ragazzo era conosciuto nel quartiere come “Bananedda” dal nomignolo del padre “Banana”, personaggio noto nel quartiere. E, proprio per questo motivo, i commercianti della zona hanno deciso di abbassare le saracinesche delle loro attività commerciali per stringersi al dolore della famiglia.

Il senatore Mario Giarrusso, componente del M5s in commissione Antimafia, oggi aveva chiesto in aula “l’intervento del ministero dell’Interno per impedire uno scempio annunciato. Trasformare il funerale di un ragazzo in una esibizione di forza ed illegalità – ha sostenuto – è inammissibile ed intollerabile“.

Il riferimento, ha spiegato l’esponente del movimento 5 stelle, era a “notizie di stampa sulle modalità dello svolgimento dei funerali, con cortei di motocicli, fuochi d’artificio e negozi chiusi“. E’ emerso infatti che oltre al rito funebre nella chiesa di San Leone erano stati organizzati un corteo di scooter, con tanto di maglietta e striscioni dedicati al giovane ragazzo prematuramente scomparso.

 

Condividi

Ultima Modifica: 4 novembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *