Fuochi pirotecnici colpiscono il Castello Normanno di Adrano.

castelloGli spettacolari fuochi pirotecnici di Adrano, che come da tradizione accompagnano e chiudono la rappresentazione serale della Pasqua con la cosiddetta: Diavolata, quest’anno si sono accaniti contro il Castello Normanno, danneggiandolo. Per fortuna non ci sono stati feriti fra coloro che hanno assistito alla sacra rappresentazione del dramma di don Laudani, messo in scena dal 1980, che trae origine da una tradizione che si tramanda da oltre 250 anni.

Nel bel mezzo della rappresentazione della selva infernale con al centro un volto diabolico e un sepolcro vuoto, momenti di forte tensione per un incendio che ha interessato la sommità del settecentesco castello, fuori dalle mura del maniero, dove Lucifero capo dei ribelli, Belzebù signore delle mosche, Astarot con le sue quaranta legioni rappresentavano la morte eterna nemica dell’umanità, in attesa dell’arrivo dell’arcangelo Michele, duellano per la supremazia, le schegge impazzite dei petardi lanciati dai fuochisti ad alta quota sono ripiombate quasi simultaneamente sulla copertura in plexiglass del lucernario del castello.

Condividi

Ultima Modifica: 29 marzo 2016

One Response to " Fuochi pirotecnici colpiscono il Castello Normanno di Adrano "

  1. Vincenzo Alongi ha detto:

    Desidero esprimere la mia solidarietà al bravo “masculinaru” per la fantasia, la passione e la bravura dimostrata. Ero vicinissimo a qiesto bravo artigiano e vederlo all’opera è stato per me un momento di grande ammirazione. Mi dispiace veramente per l’increscioso, poco prevedibile inconveniente: da sempre “a muschittaria” si fa in quel luogo; come si fa a pensare che nel restauro di un castello secolare si usi la plastica a copertura del manufatto. Se penso alla concentrazione con cui seguiva l’esecuzione del progetto da lui ideato ed al senso di sollievo ed alla soddisfazione che ha espresso quando tutto è andato come da programma….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *