La pizza più cara d’Italia si trova a Catania: Condita anche con polvere d’oro

1897

Written by:

La pizza più cara d’Italia si chiama “Antonius Musa” e per gustarla sarà necessario recarsi a Catania. A preparare la particolare pizza è un locale del centro storico della città siciliana, “Corte dei medici”, che propone la sua specialità a 44 euro. Cosa c’è di tanto speciale su questa pizza per giustificare il prezzo non proprio alla portata di tutti? Tra gli ingredienti, oltre al pregiato caviale, sulla “Antonius Musa” ci sono anche uova di quaglia, uova rosse di salmone, panna acida, erba cipollina e infine una spolverata di oro a 23 carati, ovviamente commestibile. Il locale è consapevole della particolarità del suo prodotto e lo scrive chiaramente su Facebook precisando che questa è “probabilmente la pizza più cara in cui vi imbatterete, a meno che non andiate spesso a cenare a Dubai”, ma del resto – si legge ancora sul profilo della pizzeria – “una storia che parla di impero e gloria non poteva essere certo a buon mercato“.

C’è da dire che l’idea di una pizza da 44 euro non è piaciuta proprio a tutti, anzi. Il profilo Facebook del locale di Catania è stato invaso dai commenti di molti utenti che criticano il prodotto. “Se si considera che la pizza è un alimento per eccellenza ‘povero’, tipico esempio di street food, direi che tutto ciò sfiora abbastanza il ridicolo. Per tacere della pacchianeria”, ha scritto ad esempio qualcuno. “Un affronto alla povertà” commenta un altro. E tra chi semplicemente si limita a dire che mai spenderebbe 44 euro per una pizza, c’è anche chi ha apprezzato la scelta di creare una pizza così particolare. “La pizza era un alimento popolare ma le tradizioni cambiano, il mondo si rinnova e c’è chi interpreta la pizza in chiave più sofisticata”, ha intanto replicato il locale a uno dei vari commenti sotto le foto della pizza da record.

Fonte: Ecco il link.

Condividi

Ultima Modifica: 11 dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *