Mbaruzzi, non siete gli zzaurdi che pensate di essere! Da pochi mesi i miei piedi danno baci sulle strade laviche di Catania. Vivo tra di voi, vi sto osservando con grande attenzione. Vi ascolto, vi guardo, vi sto esplorando senza che voi ve ne accorgiate. Un fantasma Greco sta girovagando nella vostra vita quotidiana e la vita di questa città che è piena di contraddizioni; magari fatalmente e inevitabilmente se qualcuno pensa dove è costruita, tra il vulcano e il mare.

atene“Catania è meravigliosa” dico a tutti sin da subito, giacché il mio amore per questa città è ineffabile. E sapete cosa mi state rispondendo tutti? Ma proprio tutti? “Catania è meravigliosa, ma i catanesi fanno schifo..“. Fratelli, vengo da un paese ed una città, Atene, i cui abitanti vi assomigliano tanto. Ci assomigliamo tanto per i nostri difetti e mi rammarico di ciò che sto vedendo, e proprio per questo vi sto scrivendo. Non siete così cattivi come dite. Non lo siete affatto! Ogni giorno incontro e conosco persone brave e buone. Carismatiche, piene di talento, creative e vogliose di cambiamento, ma con un’amarezza negli occhi e nella bocca…Pensate che voi siate stati abbandonati al vostro destino, che Catania e la Sicilia “uccidano I loro figli” come diciamo noi in Grecia, e che qui, oramai, non ci siano più opportunità per nessuno. Le opportunità però, compari miei, le creiamo noi, là, dove sembra proprio che non esistano speranze; bastano un po’ di buona volontà ed amore non solo per la città ma anche per i propri concittadini.

L’unica cosa buona che è nata in Grecia negli anni della crisi è la solidarietà, che prima non c’è mai stata. La nostra vita era basata sull’egoismo casalingo. “Le mie cose sono mie e magari farò mie pure le tue” è una caratteristica frase Greca...Solo a causa della crisi ci siamo resi conto che tramite la solidarietà possiamo fare qualcosa in più. E ora giustamente starete pensando: “E che cosa ha fatto alla fine la Grecia? Sta andando di male in peggio”. Non è vero, sta andando di male in peggio solamente dal punto di vista economico, mentre da quello umano va di bene in meglio! Qui, voi, che vi state rifiutando di vedere la crisi che già c’è, avete l’opportunità di cambiare mentalità prima di quando l’abbiamo fatto noi. La nostra vita non si esaurisce nell’uscio delle nostre case e dei nostri appartamenti, anzi, comincia proprio fuori dalla porta ed esce tra di noi, in quartiere, nella città e magari, addirittura, ancora più lontano.

eruzioneCambiate la frase “Catania è meravigliosa ma i catanesi fanno schifo”. Cominciate a dire: “Catania è meravigliosa e la faremo miracolosa, io e i miei concittadini!” Catanesi! Siete magnifici! Pieni di un’energia fantastica che assomiglia a quella della vostra amata Etna. Credete di essere immobili, fumando invano senza speranza e azione, però da un momento all’altro siete capaci di esplodere e tirare su un fuoco spettacolare che forse nessun altro in tutta Italia può. Esplodete catanesi e abbracciatevi l’uno con l’altro con questa vostra lava! E’molto più viva, più capace e più creativa di quello che pensate!

Lettera di Stella Kalisperatou.

Condividi

Ultima Modifica: 8 settembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *