“Melior de cinere surgo”: Ecco tutte le distruzioni della città di Catania

1328

Written by:

Distruzioni della città:
nel corso dei secoli Catania è stata distrutta (interamente o in gran parte), per ben otto volte, e altrettante volte è risorta dalle proprie macerie; in questo senso è significativo il motto Settecentesco leggibile sul fronte della Porta Garibaldi: “Melior de cinere surgo(risorgo sempre più bella dalle mie ceneri).

Ecco nell’ordine le distruzioni della città:
476 a.C.Catania viene rasa al suolo dal tiranno di Siracusa Gerone, la città viene ribattezzata con il nome di Aetna e tutti i suoi abitanti deportati a Leontini.

121 a.C — La città viene sommersa da una colata lavica sotto il consolato di Marco Emilio e Lucio Aurelio. Il fronte di fuoco è così abbondante da raggiungere il mare.

1169: – Catania viene distrutta da un tremendo terremoto, 15.000 morti su 23.000 abitanti.

1197 : – Enrico VI, (figlio di Barbarossa), rade al suolo la città, per vendicarsi dell’appoggio dato dai catanesi ai rappresentanti della dinastia Normanna, (Tancredi di Lecce e il piccolo Guglielmo). Enrico distrugge interamente la città, brucia le chiese e passa a fil  di spada gran parte della popolazione.

1232: – Il 5 febbraio, Federico II di Svevia ordina la distruzione della città.

1669 : – L’11 marzo l’Etna si squarcia a monte di Nicolosi e una colata lavica sommerge tutta la parte orientale della città, colmando le acque del porto e unendo il Castello Ursino alla terraferma. I danni furono così ingenti da indurre il Re di Spagna Carlo II a esentare i cittadini dal pagamento dei tributi per ben 10 anni.

1693 : L’11 gennaio la città viene interamente distrutta da un terremoto che si svolge in tre tempi: il 9 gennaio alle ore 4 circa, l’11 gennaio intorno a mezzogiorno e alle 5 del pomeriggio.

1818 : – Preceduto da lampi e da rombi sotterranei, il 20 febbraio, Catania viene sconvolta da un altro terremoto con epicentro ad Acicatena.

Fonte: Dal libro Catania Misteriosa di Roberto La Paglia.

Condividi

Ultima Modifica: 22 settembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *