Museo di Paleontologia: Reperti fossili risalenti a sette milioni di anni fa

523

Written by:

Risalendo via Etna fino alla villa Bellini, al numero 35 di viale Regina Margherita, ubicato all’interno della Facoltà di Scienze della Terra, all’interno di un giardino privato, si erge il Mausoleo circolare di villa Modica. Il museo alloggia principalmente collezioni di fossili siciliani dal Paleozoico al Quaternario di grande importanza, dal momento che per alcuni periodi geologici non esistono in Sicilia altri affioramenti fossiliferi. Conserva reperti fossili risalente a sette milioni di anni fa e lo scheletro del più piccolo elefante conosciuto, Elephas Falconeri.

Le Collezioni Gravina e Viglino raccolgono anche fossili (migliaia di specie animali e vegetali tutte catalogate) provenienti da varie parti del mondo. Rinvenuto nel giacimento fossilifero di Spinagallo, vi é esposto uno dei pochi esemplari esistenti in Italia di Elephas falconeri, elefante nano (esemplare adulto), il cui scheletro é in buono stato di conservazione.

Risalendo via Etna fino alla villa Bellini, al numero 35 di viale Regina Margherita, all’interno di un giardino privato, si erge il Mausoleo circolare di villa Modica. La Villa Modica è un edificio ottocentesco che sorge sul viale Regina Margherita, area di villeggiatura nel corso del XIX secolo sorta su ciò che molti secoli prima fu la Necropoli patrizia di Catania. L’edificio, un ricco palazzotto nobiliare in stile Neo-Romanico con accenni di Neo-Gotico, racchiude un ampio giardino, un tempo facente parte della ricca selva del contado catanese, in cui è custodito un importante Mausoleo Romano. L’edificio funebre presenta un diametro esterno di poco inferiore agli 8 metri e reca a ovest un’apertura arcuata che dà all’interno.

Al di sopra una cornice in terracotta (di cui non rimangono che labili tracce) segnava il confine tra il pianterreno e il piano superiore. L’interno del piano inferiore è un ambiente circolare su cui si affacciano quattro nicchie ad arco ricavate nello spessore murario, mentre la copertura è un’originale volta a cono ribassato (quasi “mammelliforme”) realizzato da fasce parallele concentriche in pietre di lava. Il secondo piano era invece costituito da un portico aperto verso est, costituito da due mezze colonne. Del secondo piano tuttavia rimane un alzato di circa 50 cm soltanto, quanto basta tuttavia a supporre l’esistenza di un nicchione atto probabilmente a contenere una qualche statua.

Condividi

Ultima Modifica: 19 gennaio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *