Omicidio al Fortino di Catania: Ucciso un ragazzo di 21 anni

1721

Written by:

CATANIA – Né questioni legate agli ambienti dello spaccio di sostanze stupefacenti, nè vicende riconducibili a certi giri della microcriminalità. L’assassinio di Enzo Valenti, il ventunenne incensurato residente nella zona del Fortino, ammazzato poco dopo l’una della notte di ieri proprio in piazza Palestro, sarebbe esclusivamente conseguenza di questioni private. Forse, addirittura, “banalissime” storie di donne.

Sembra essere questa la pista privilegiata degli investigatori della sezione Omicidi della squadra mobile che da ieri lavorano ininterrottamente al caso. I poliziotti, anzi, avrebbero isolato anche alcuni “profili” di soggetti che potrebbero essere rimasti coinvolti in questa vicenda: la caccia è aperta e non è detto che non possa garantire risultati di rilievo già nelle prossime ore.

Tanto più che l’assassino di Enzo Valenti si è dimostrato tutt’altro che un killer professionista. Chi ha sparato, probabilmente, voleva impartire una lezione al rivale di turno. Ed ecco spiegato il perché di quell’unico colpo di pistola esploso all’angolo fra la via Palermo e la piazza Palestro. Un colpo che ha trapassato il braccio della vittima e che si è poi fermato nell’addome, risultando, forse al di là delle intenzioni, mortale.

Il ragazzo sarebbe rimasto esanime sul selciato, dove è poi stato soccorso da alcuni passanti che lo hanno trasportato di gran carriera al pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele”. Una corsa inutile, però, visto che Enzo è spirato, nel nosocomio di via Plebiscito, poco dopo il ricovero.

Vanno avanti anche i poliziotti della squadra mobile, impegnati nel tentativo di ricostruire gli ultimi momenti della vita di Enzo Valenti e di appurare, magari attraverso il contributo dei parenti dell’ucciso, se il ventunenne avesse un appuntamento con qualche persona in particolare.

In merito a ciò, al momento nulla filtra. Ma, come detto, fors’anche con l’aiuto di alcune telecamere di videosorveglianza installate nella zona, nelle prossime ore potrebbero non mancare le sorprese. Attese, attesissime dai familiari del ragazzo, che hanno presidiato il Vittorio Emanuele fino a notte fonda.

Fonte: Ecco il link.

Condividi

Ultima Modifica: 22 dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *