Proverbi Catanesi: Porta bene – Porta male

299

Written by:

PORTA BENE – PORTA MALE

‘Cchianari i scaluna cû pedi mancu ‘u jornu ‘i capurannu è bon’auguriu.
(Salire gli scalini col piede sinistro il giorno di capodanno è buon augurio.)

Si unu si ‘nsonna chi mori o chi è mortu, cci ‘llònganu i jorna.
(Se qualcuno sogna che qualcuno sta morendo o è morto, gli allunga i giorni di vita.)

S’havi ‘a scacciari ‘a scoccia dill’ovu dopu sucatu, sennò…non si nn’havi sustanza.
(Si deve frantumare il guscio dell’uovo dopo averlo sorbito, altrimenti…non se ne trae sostanza.)

Non pusati sordi supra dû lettu: porta mali, giùvanu pi malati.
(Non posate soldi sul letto: porta male, gioveranno per le malattie.)

E’ mal’auguriu mittìrisi i mani ‘ntricciati arredi ‘a testa.
(E’ cattivo augurio mettersi le mani intrecciate dietro il capo.)

Quannu cadi carchi cosa dî mani, s’aspéttanu vìsiti.
(Quando cade qualcosa dalle mani, si aspettano visite.)

Porta mali canciari ‘u lettu matrimoniali vecchiu cu unu novu.
(Porta male cambiare il letto matrimoniale vecchio con uno nuovo.)

Porta mali pusari ‘u cappeddu o méttiri ‘u metru, l’umbrellu o ‘a scupa supra ‘u lettu.
(Porta male posare il cappello o mettere il metro, l’ombrello o la scopa sul letto.)

E’ mal’auguriu maritàrisi a màju o ad aùstu.
(E’ di cattivo augurio sposarsi a maggio o in agosto.)

Si ti mància ‘a manu dritta, dinari tràsunu, o… bastunati ‘a dari; si ti mancia chidda manca, dinari nésciunu, e… bastunati ‘a ricìviri.
(Se ti prude la mano destra, denari entrano, e… bastonate da dare; se ti prude quella sinistra, denari escono, e… bastonate da ricevere.)

Quannu runza ‘na musca ‘rossa o trasi dintra ‘na farfalledda, c’è littra ‘ncaminu o s’aspetta visita.
(Quando ronza una mosca grossa o entra in casa una farfallina, c’è lettera in cammino o si aspetta visita.)

A tàvula s’havi ‘a manciari sinu all’ultimu tozzu dû so’ pani: cu’ ‘u lassa, lassa l’anni so’.
(A tavola bisogna mangiare sino all’ultimo boccone del proprio pane: chi lo lascia, perde i suoi anni.)

Cu’ a tàvula si ‘ssetta di spicu, non si marita.
(Chi a tavola si siede di spigolo, non si sposa.)

‘U lettu non si consa mai in tri: ‘a pirsuna cchiù nica mori.
(Il letto non si apparecchia mai in tre persone: la più piccola morrà.)

Condividi

Ultima Modifica: 8 luglio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *