San Vito lo Capo – Tra Storia e Leggenda

845

Written by:

San Vito lo Capo è tra le spiagge più belle di tutto il Mediterraneo.
Lunga oltre 2 chilometri e con un fronte che varia tra i 40 ed i 70 metri, con sabbia bianca arena finissima e dinanzi ad un mare turchese chiaro che sfuma al blu verso il largo, in modo del tutto simile alle blasonate spiagge caraibiche, è il luogo ideale dove famiglie, bambini e giovani coppie possono trascorrere un periodo di soggiorno all’insegna del relax e del contatto con la natura.
4Le origini di San Vito Lo Capo sono legate ad un’antica leggenda in cui si narrano le vicissitudini di un giovane patrizio romano, figlio di un alto funzionario dell’antica Roma.
Un giorno il giovane, per sfuggire alle persecuzioni di Diocleziano, decide di fuggire da Mazzara, sua città natale, insieme alla nutrice Crescenzia e all’istitutore Modesto che lo avevano convertito al cristianesimo.

Dopo alcuni giorni di navigazione verso nord, una tempesta costrinse la nave di Vito ad approdare in un golfo protetto dal vento da un capo roccioso ben conosciuto dai naviganti del tempo (Egitarso o Egitallo il suo nome) e qui i tre avrebbero cercato di convertire gli abitanti del villaggio Conturrana, che sorgeva a circa tre chilometri dal mare, sotto un’alta rocca.
Vito, Modesto e Crescenzia non riuscirono a convertire alla loro fede gli abitanti del villaggio, e anzi da questi furono scacciati e minacciati.
Fu allora che, come una punizione divina, giunse un’enorme frana a seppellire il villaggio ed i suoi abitanti.

7
Giungendo in auto a San Vito Lo Capo si può, ancora oggi, scorgere un’ampia zona franosa riconducibile a quegli eventi, chiamata Contrada Valanga e a poche centinaia di metri una Cappella dedicata a Santa Crescenzia, costruita dagli ericini nel XVI secolo.
Il passaggio di Vito e Crescenzia provocò comunque grande emozione tra le genti della zona, e intorno al 300 (Vito morì nel 299 a 22 anni) venne costruita la prima cappella a lui dedicata.

Nei secoli la cappella subì diversi interventi, venne ingrandita e abbellita, anche perché erano sempre più numerosi i pellegrini che venivano qui per venerare il Santo Martire. Tutto intorno ad essa ancora non esisteva nulla, e i pellegrini erano costretti a dormire nelle tende o all’addiaccio.

chiesaLa fabbrica primitiva, che poi avrebbe lasciato il posto all’attuale santuario, nacque attorno alla chiesa come fortezza – alloggio per dare ospitalità ai pellegrini e per difenderli dai banditi e dai corsari barbareschi.
Tale realizzazione risale alla fine del 1.400, e si deve anche questa alla fede (e alle finanze) degli ericini.
La torre quadrata della chiesa – santuario – fortezza venne realizzata circa 150 anni dopo, intorno al 1600.

La fortezza disponeva di eleganti alloggi per i nobili e modeste stanze per la povera gente, di stalle e perfino di un pozzo detto “di Santo Vito”.

La fama della chiesa e dei miracoli accreditati al Martire San Vito e alla Santa Crescenzia, le punizioni “divine” (tempeste, naufragi) che colpirono diversi corsari che avevano avuto l’ardire di saccheggiare la chiesa e rapinare i fedeli, richiamavano sempre più gente attorno al santuario, e così all’inizio del 1700 furono costruite le prime case a ridosso dell’edificio.

Nasceva così il paese, ma dovevano passare ancora molti decenni perché San Vito Lo Capo e le sue contrade divenissero nuclei abitati nel vero senso della parola.
Oggi fanno parte dello stesso comune le frazioni di Macari e Castelluzzo immerse nella verde campagna siciliana e vicinissime ad uno dei tratti più belli della costa trapanese.

6San Vito lo Capo oggi è un luogo molto turistico, la spiaggia di sabbia bianca e il mare dall’acqua limpida e cristallina, offrono al turista il meglio che si possa avere da madre natura. La sua posizione geografica, colloca il centro abitato al centro tra due Riserve Naturalistiche Orientate: La Riserva dello Zingaro e la Riserva di Monte Cofano con a est Baia Santa Margherita, entrambi le riserve sono meta di escursioni giornaliere.

3E’ vivamente consigliato farsi una passeggiata in “Via Lungomare“, la via più bella e lunga di San Vito lo Capo. Lungo la via vi sono tantissimi locali e ristoranti dove potersi rilassare.

 

Condividi

Ultima Modifica: 16 maggio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *