Giorno 25 Aprile 2016 ritorna a Caltagirone il lancio in paracadute per i soci dell’Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla).

Esperienza di libertà oltre la sclerosi multipla: un lancio in paracadute biposto con istruttore da 4200 metri. E’ quanto hanno vissuto l’anno scorso 25 Aprile 2015, nell’aviosuperficie di contrada Caudarella, a Caltagirone, una quindicina di soci dell’Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), su iniziativa della sezione provinciale di Catania in collaborazione con l’associazione Sunflyers. Una giornata libera da pregiudizi, dalle barriere fisiche, dalla paura della malattia.

Ecco alcuni commenti dei soci dell’Aism.
Se è vero che si vive di emozioni, questa è la più forte“. Ivan Messina 26 anni di Catania, era felice come un bambino dopo il suo primo lancio.
“E’ stato uno splendido battesimo per me – racconta, lui che è uno sportivo, dato che gioca nella serie B di basket in carrozzina, nel Cus Catania – mentre sei lassù provi sensazioni indescrivibili, ti senti vivo e capace di superare ogni ostacolo“.

Daniele Pappalardo, 34 di Catania, è un altro sportivo doc: cestista (anche lui in B) e sub. E adesso anche aspirante paracadutista “per sentire, forte, l’adrenalina e provare una grande emozione“.

Pasquale Platania, 53 anni, di Motta S.Anastasia, nel 1981 era parà nella Folgore. “Dopo 25 anni, – dice – torno a lanciarmi – la voglia è intatta. Ritrovo, così, la bellezza del paracadutismo, che è il silenzio nell’aria“.

Valentina Pulia, 33 anni, segretaria del gruppo organizzativo Aism di Caltagirone. Ha già fatto un lancio in tandem. “Sto frequentando un corso per acquisire le abilità per lanciarmi da sola – riferisce – quando sei con il paracadute, provi un mix eccezionale di gioia e paura. E quando atterri, avverti un grandissimo senso di libertà. Ti senti grande, perchè sei riuscita a realizzare ciò che la tua mente ti suggerisce di non fare“.

renato_buona_per_sito_leggera-7835fcc26bPer Renato Caruso, presidente dell’associazione Sunflyersquesta giornata è la dimostrazione che i limiti sono solo mentali e che volere è potere“.

“Il nostro obiettivo dichiara Maria Grazia Anzalone, presidente della sez. Aism di Catania – è di restituire alle persone con sclerosi multipla (Sm) la leggerezza della farfalla per affrontare le situazioni che la società pone con la pesantezza di un elefante“.

Angela Martino, presidente della Conferenza delle persone con Sm dichara: “Non voglio concentrarmi sui limiti che la Sm mi impone, ma cogliere le sfide che mi lanciano come possibilità per vivere la mia vita oltre la Sm“.

Per prenotarsi visita il sito www.sunflyers.it

Condividi

Ultima Modifica: 7 aprile 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *