Ora ca non si chiù na sto patiri aiu na malatia ca non po' guariri. Ni la menti s'abbrancicunu i rivordi ca no me cori m'addumumu u duluri. Propriu picchì tu non si 'cchiu 'ccu mia, ti vogghiu tra sti righi n'po' pararri. U sacciu r'intra di mia ca lu cori è ranni, macari ca n'vasuni lu desidirai 'ppi tanti ...

E sugnu ‘cca, ‘ssittatu ‘n facci a tia. ‘na vota l’annu ti vegnu a truvari, ma nun c’è jornu ca nun si' ccu mia nun c’è sirata senza ricurdari. Ci pensi, mamma, quannu picciriddu sinteva friddu e nun putìa quadiari? Tu mi strincevi forti ‘ntra lu pettu e mi cuntavi cunti, e li cantavi: “ppi tri pinni d’aceddu cucù… lu ...

Catania sei gloriosa ed affascinante con le tue mille sfumature, noi catanesi siamo fieri ed orgogliosi di essere nati in questa meravigliosa terra, piena di luce e amore. La luna splendente illumina le maestose architetture monumentali, e le luccicanti stelle luminose circonfondono tale spettacolo pieno di colore. Dalle sue alture imponenti l'Etna ci riscalda con le altissime temperature, noi cittadini ...

Da laggiù vedo una montagna maestosa l'Etna, che con i suoi colori: bianco, rosso e marrone illumina la città di Catania. La gioiosa festa dei Catanesi nell'ammirare il colosso vulcano, che con i suoi lapilli incandescenti saluta il grande Vesuvio, il gran dormiglione. Ora l'Etna si addormenterà e si risveglierà quando lo riterrà opportuno. Buonanotte glorioso gioiello della natura. Poesia ...

Bedda, maistusa e affascinanti... cchiù ti cuntemplu e cchiù mi pari forti... ti stagghi 'nta lu celu priputenti... ma quannu ti siddii simini morti. 'Nciumi di lava scurri silinziusa... abbruciannu arbiri e pagghiara... la genti scappa tutta alla rinfusa... rivulgennu allu celu na priera. Scinnunu a valli, ccu ddi quattru cosi... chiancennu dispirati e sènza meta. Tutti sbannuti, lassànnu li ...