Il piatto tipico del Carnevale Catanese: “A Pasta che’ cincu puttusa” – Curiosità, ingredienti e preparazione

Febbraio è sicuramente uno dei mesi più cari all’immaginario catanese. Inizia dedicando le sue prime giornate alla patrona Agata. Per poi colorarsi con i coriandoli sparsi lungo la città. Arriva il Carnevale a Catania. E non sono soltanto le strade a colorarsi. Ma anche le tavole dei buongustai. Un piatto in particolare appartiene alla tradizione della tavola catanese nel periodo del carnevale. Ecco a voi tutte le curiosità riguardanti “A pasta che’ cincu puttusa”.

Che significa “Pasta che’ cincu puttusa”?
Il nome in catanese dialettale significa pasta con i cinque buchi. Sono dei grossi maccheroni con un grosso buco centrale e altri quattro laterali più piccoli. La callosità della pasta, aiuta a trattenere il sugo d’accompagnamento ricco di diversi ingredienti che lo rendono un piatto esagerato e succulento.

Perché i cinque buchi?
I cinque buchi della pasta in realtà si ricollegano alla festa del Carnevale. Quest’ultima, essendo considerata la festa dell’esagerazione, si manifesta in tavola con un formato di pasta grande ed esagerato. Un formato che ovviamente trova spazio nelle tavole catanesi prima del periodo di digiuno osservato durante la Quaresima.

Cosa rende ricco e succulento il sugo?
Altrettanto esagerato è il ricco condimento che contraddistingue il sugo preparato dalle nonne di generazione in generazione. Questo, oltre agli ingredienti base, viene arricchito dalla presenza di costate, puntine di maiale e salsiccia. È possibile infatti trovare tra i callosi buchi della pasta, alcuni di questi ingredienti che rappresentano la seconda portata dei pranzi di carnevale per eccellenza: quello del martedì e del giovedì grasso.

Ingredienti:
-400 g Carne bovina;
-6 Salsiccia (nodi);
-4 Costine di maiale;
-1 Carota;
-1 Cipolla;
-1 Sedano (costa);
-400 Triplo concentrato di pomodoro;
-1 l Acqua;
-q.b. Pepe;
-q.b. Sale;
-q.b. Olio extravergine d’oliva;
-1/2 bicchiere Vino bianco;
-1 kg Pasta.

Preparazione
Per prima cosa tritate la cipolla, il sedano e la carota.
Versate l’olio in un’ampia casseruola dai bordi alti, unite il trito di verdure e lasciate soffriggere per qualche minuto, fino a quando le verdure saranno ben colorite.
Aggiungete tutta la carne e lasciate rosolare bene.
Sfumate con il vino e lasciate evaporare completamente.
Aggiungete il concentrato di pomodoro, il pepe, l’alloro, l’acqua, aggiustate di sale, amalgamate, coprite con il proprio coperchio e lasciate cuocere a fiamma bassa per circa due, tre ore. ( amalgamate di tanto in tanto)
A cottura ultimata, il sugo dovrà essere ristretto, portate a bollore una pentola con acqua, versate la pasta ed attendere il tempo di cottura.
Scolate la pasta e condite con il sugo di carne.
parmigiano Qb.

Buon appetito!

Fonte: Ecco il link.
Fonte: Ecco il link.
Foto copertina di Veronica’s –> link