Piazza Cutelli – Fontana delle Conchiglie: Una delle piazze più antiche e importanti di Catania

Una delle piazze anticamente più importanti della città, sorge sui resti del Bastione di San Giuliano, edificato nel 1550 e demolito dopo il terremoto del 1693.

L’importanza della piazza è legata alla edificazione del Collegio di studi omonimo, importante istituto di formazione dei nobili siciliani realizzato da Vaccarini e frequentato tra gli altri dal principe Ignazio Paternò Castello di Biscari. Nel XIX secolo vi si realizzò anche un edificio teatrale, il Teatro Nazionale, che dopo 19 anni di attività fu chiuso e divenne col tempo un magazzino; dopo tanti anni di abbandono fu acquistato dalla comunità islamica che ne ha ricavato nel 2012 la Moschea della Misericordia, la maggiore in Italia da Roma in giù.

La piazza fu decorata da una delle dieci fontane civiche di Catania, la Fontana delle Conchiglie, realizzata negli anni ’50 da Domenico Cannizzaro in sostituzione di una preesistente fontana ottocentesca esteticamente simile.

E’ costituita da una vasca circolare con al centro un obelisco a sezione quadrata alla cui base si trovano quattro valve di conchiglia che danno il nome alla fontana.

Questa fontana prese il posto di una precedente (datata alla metà dell’Ottocento) che aveva anch’essa un obelisco al centro della vasca.

La fontana “dell’Obelisco” recava in alto una sfera, e alla base era adornata da quattro leoni che riversavano l’acqua nella fontana sottostante. L’obelisco, che un tempo ornava Piazza Duca di Genova, fu innalzato nel 1862 in memoria della visita che i tre figli del Re Vittorio Emanuele II porsero alla città etnea.
La fontana venne rimossa agli inizi degli anni ’30 e al suo posto venne costruita negli anni ’50 la fontana detta “delle conchiglie” poiché costituita, alla base, da quattro grandi valve a forma di conchiglia, racchiuse in una grande vasca circolare. Quest’ultima venne realizzata seguendo il progetto di Domenico Cannizzaro, funzionario dell’ufficio tecnico del comune di Catania.