Piazza Giovanni Verga è una delle più grandi e moderne piazze di Catania

Piazza Giovanni Verga è una delle più grandi e moderne piazze di Catania.
La piazza, di forma quadrata, è divisa in due parti dal Corso Italia, che la attraversa, e nei lati est ed ovest è costeggiata da due lunghe vie che in corrispondenza di essa mutano nome.

Sono quattro i toponimi che nel corso del tempo sono stati attribuiti a questa piazza. Originariamente fu denominata “Piazza Massaùa” e si trattava di una vasta zona di accumuli di scorie vulcaniche formate dalle precedenti eruzioni dell’Etna; successivamente venne spianata e utilizzata per usi militari, pertanto ribattezzata con il nome di “Piazza d’Armi”. Nel 1907, in occasione della seconda Esposizione Agricola Siciliana e della Mostra Campionaria Nazionale, ospitata in questa piazza, vi si attribuì il nome di “Piazza Esposizione”. Infine, a metà del XX secolo, il quarto toponimo assunto fu quello di “Piazza Giovanni Verga”, intitolazione alla memoria del celeberrimo scrittore verista.

Nel corso del tempo la piazza ha acquisito un’importanza sempre maggiore, soprattutto con l’edificazione tra il 1936 e il 1953 dell’imponente Palazzo di Giustizia posto sul lato nord della piazza, dinanzi alla quale spicca la massiccia e maestosa statua di bronzo alta 7,5 metri, opera dello scultore catanese Mimì Maria Lazzaro, che simboleggia “La legge è uguale per tutti“, rappresentata da una donna che sorregge con le mani due uomini per “pesarne” la colpevolezza o l’innocenza; sul lato sud, invece, si innalza il prestigioso Hotel Excelsior. Nella parte di spiazzo antistante l’Hotel si eleva la monumentale Fontana dei Malavoglia, opera che contribuisce a dare maggiore rilevanza alla piazza, realizzata dallo scultore catanese Carmelo Mendola, che rappresenta il naufragio della “Provvidenza”, scena cardine del racconto verghiano I Malavoglia.

Fonte: Ecco il link.