Il bellissimo Teatro Sangiorgi: Simbolo della “Belle Époque” catanese

Nato dall’idea imprenditoriale di Mario Sangiorgi e inaugurato nel 1900, con La Bohème di Puccini, il Teatro Sangiorgi è considerato il simbolo della Belle Epoque catanese. L’idea alla base della costruzione del teatro (Esercizi Sangiorgi) è quella di creare uno spazio all’aperto che lo stesso Sangiorgi definì “multifunzionale”.

Il teatro non era semplicemente un luogo per la messa in scena di opere e spettacoli di prosa, ma includeva anche un ristorante, un caffè, una pista di pattinaggio ed altri luoghi di divertimento. Le decorazioni di Di Gregorio e il progetto dell’ingegnere Giuffrida hanno reso il teatro una delle architetture moderne più accoglienti in stile Liberty. Antiaccademico e guardato con un certo sospetto, il Liberty, i cui elementi che lo caratterizzano sono l’eclettismo e lo stile floreale, portò nella città una ventata di innovazione estetica.

L’idea dell’imprenditore si rivela sin da subito vincente: non solo per l’introduzione di spazi di ritrovo, ma per la sua posizione strategica. Posto nel centro della città, il teatro non poteva non attirare l’attenzione di numerosi catanesi ed anche di cittadini delle province vicine, per i quali lo stesso imprenditore realizzò il primo kursaal per acquisti e affari. A volte, si poteva fruire ad esempio di un importante avvenimento sportivo o di una proiezione cinematografica.

Il cinema arrivò al Teatro Sangiorgi qualche mese dopo l’inaugurazione, ben dieci anni prima che a Catania si inaugurasse il primo cinema cittadino.
Solo qualche anno più tardi il teatro verrà coperto. Ma sul finire degli anni Cinquanta il Teatro Sangiorgi si trasforma in cinema di quartiere, e inoltre le sue strutture subiscono un progressivo deterioramento. Solo alcuni anni più tardi, intorno agli anni Ottanta, inizia un’operazione di recupero.

Chiuso ed abbandonato a se stesso fino al 1988 quando l’Ente Autonomo Teatro Massimo Bellini lo acquistò e iniziò un lungo ed elaborato lavoro di restauro, cercando di mantenere lo stile neoclassico e di riportare alla luce le testimonianze artistiche custodite all’interno.

Oggi, il teatro ha un’elegante sala di 477 posti e un palcoscenico molto grande che permette la messa in scena di diversi spettacoli, con l’intento di offrire una varietà di rappresentazioni. All’interno degli ampi locali hanno anche sede gli uffici amministrativi del Teatro Massimo Bellini e del Sangiorgi.



Fonte: Ecco il link.