La bellissima piazza Stesicoro di Catania

Piazza Stesicoro è una delle più frequentate piazze del centro storico di Catania, sia per la posizione centrale, sia per la vicinanza con il tipico mercato della Fera o’ Luni”.

Piazza Stesicoro, che deve il suo nome al poeta greco Stesicoro il cui sepolcro si trovava qui in epoca romana, è attraversata e divisa in due dalla strada principale del centro, la via Etnea. Le due parti della piazza hanno stili architettonici differenti. A est troneggia al centro il monumento dedicato al compositore Vincenzo Bellini realizzato dallo scultore Giulio Monteverde nel 1882.
Alle spalle del monumento a Bellini, alla fine degli anni cinquanta, furono abbattuti tutti gli edifici esistenti e fu realizzato l’attuale Corso Sicilia, ai cui lati si trovano i principali edifici finanziari della città.
Dall’altro lato della piazza, sotto il manto stradale, a circa dieci metri di profondità, è visibile una parte dell’Anfiteatro romano riportato alla luce agli inizi del XX secolo.

Di fronte i resti dell’Anfiteatro si trova la Chiesa di San Biagio conosciuta anche come la Chiesa di Sant’Agata alla Fornace, dal nome della reliquia custodita all’interno, e di fianco in posizione più elevata rispetto alla piazza c’è il Palazzo della Borsa, oggi sede della Camera di Commercio di Catania. A nord, rispetto all’Anfiteatro romano si trova il settecentesco Palazzo Tezzano, sede del tribunale fino al 1953.

Ogni anno, proprio da Piazza Stesicoro, e precisamente dalla Chiesa di Sant’Agata alla Fornace, il 3 febbraio hanno inizio i festeggiamenti religiosi per la Patrona della città con la processione dell’offerta della cera alla Santa, detta anticamente la “processione della luminaria” (il termine “luminaria” si riferiva all’offerta in cera che tutti i rappresentanti della città donavano per illuminare l’altare di S. Agata).
Partendo da qui, passando da via Etnea e Piazza Duomo, la processione raggiunge la Cattedrale di Sant’Agata.

Fonte: Ecco il link.